piano invalidi_03-1
piano invalidi_03-2

Da Peba a Fapi..

Agire per la tutela dei Diritti delle persone con disabilità e Non Solo.

Leggi Articoli

Noi Esistiamo. "Non si può fare", La Vera Barriera

Peba, il Dinosauro

Article ONU - Informare Come Diritto

Oltre..

Le Amministrazioni Comunali ed Enti Pubblici devono tener conto quanto sia importante avviare investimenti sempre più significativi atti a creare le condizioni per una maggiore autonomia nella mobilità del disabile e disporre tali investimenti in ambito di progettazione e modifiche del P.R.G.

Noi Esistiamo

"Non si può fare", La Vera Barriera

In materia, la normativa vigente è recata in via principale dagli artt. da 77 ad 82 del D.P.R. 380/2001 (T.U. in materia edilizia), volti a favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati, pubblici e privati aperti al pubblico.

Nei citati articoli sono confluiti, in particolare, gli artt. da 1 a 3, 6 e 8 della citata L. 13/1989 (che ha dettato disposizioni per favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati) e l’art. 24 della citata L. 104/1992 (che ha disposto in materia di opere edilizie riguardanti edifici pubblici e privati aperti al pubblico).

In particolare, l’art. art. 82, co. 1, del DPR 380/2001 richiama il rispetto del DPR 503/1996, con il quale è stato adottato il nuovo regolamento relativo all’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici. Le norme del DPR 503/1996 si applicano, oltre che agli edifici e spazi pubblici di nuova costruzione, anche a quelli esistenti qualora sottoposti a ristrutturazione, nonché agli edifici e spazi pubblici sottoposti ad altro tipo di intervento edilizio suscettibile di limitare l’accessibilità e la visitabilità.

Il requisito della “visitabilità” rappresenta un livello di accessibilità limitato ad una parte più o meno estesa della struttura, dell’edificio o delle unità immobiliari, un livello che consente comunque ogni tipo di relazione fondamentale anche a persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale. Questo implica che tali strutture debbono risultare accessibili sia in tutti gli spazi comuni che in una parte degli spazi destinati alle attività prevalenti.

Ad esempio, non è previsto che siano accessibili tutte le zone di un ristorante, quello che si richiede è che una parte lo sia e che per posizione, attrezzature e dimensionamento si tenga conto di determinati standard progettuali.

Gli edifici di nuova edificazione e le loro parti si considerano adattabili quando, tramite l’esecuzione differita nel tempo di lavori che non modificano né la struttura portante, né la rete degli impianti comuni, possono essere resi idonei, a costi contenuti, alle necessità delle persone con ridotta o impedita capacità motoria, garantendo il soddisfacimento dei requisiti previsti dalle norme relative alla accessibilità.
La progettazione deve garantire l’obbiettivo che precede con una particolare considerazione sia del posizionamento e dimensionamento dei servizi ed ambienti limitrofi, dei disimpegni e delle porte sia della futura eventuale dotazione dei sistemi di sollevamento.

La capacità di rendere un luogo maggiormente fruibile non deve limitarsi solamente ad interventi su edifici.

Nell’immaginario collettivo si tende ad associare il concetto di disabilità alle persone costrette all’uso della sedia a rotelle; ma le disabilità sono di varia natura e tanti sono i loro gradi. Ad esempio, i non vedenti e gli ipovedenti, i sordomuti, per i quali i punti di pericolo presenti nello spazio pubblico devono essere eliminati o comunque attenuati.

Il principale scopo è di adoperare soluzioni tecniche più appropriate per l’eliminazione delle barriere architettoniche, in modo da determinare un linguaggio il più possibile univoco nella progettazione degli spazi di relazione quali aree mercatali, aree di prevalenza pedonale, verde pubblico.
 Chi progetta deve tenere presente che l’accessibilità di uno spazio concorre alla qualità complessiva dell’opera e che è preferibile che le soluzioni siano orientate ad un approccio progettuale di tipo universale evitando di creare spazi e servizi “dedicati” ai soli clienti con disabilità.

ADATTABILITA'. Quando è prevista

Adattabilità significa: “La possibilità di modificare nel tempo lo spazio costruito a costi limitati, allo scopo di renderlo completamente ed agevolmente fruibile anche da parte di persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale”.

Leggi e Norme di riferimento:

  • artt. da 77 ad 82 del D.P.R. 380/2001
  • artt. da 1 a 3, 6 e 8 L. 13/1989
  • l’art. 24  L. 104/1992
  • l’art. art. 82, co. 1, del DPR 380/2001
  • DPR 503/1996

Altri Articoli

Peba. Il Dinosauro

Article ONU – Informare Come Diritto

Explora Dipartimenti

Sono molte le aree dove il Fondo Azione Piano Invalidi per l’eliminazione delle barriere architettoniche trova le sue applicazioni; dal Sociale, Economico e Lavorativo fino al Turismo e al Tempo Libero inserendosi in ogni disabilità specifica.

Mobilità & Trasporti

Quando il trasporto pubblico e la mobilità nelle arterie sono inefficaci, la vita urbana proietta una "Città Invisibile".

Lavoro

Avere opportunità lavorative, vivere in autonomia, crearsi una famiglia. Questo significa progettare il futuro per chi è disabile.

Turismo

Destinazioni, soggiorni, svago, percorsi accessibili sono il sogno di ogni persona... anche per un disabile.

Sociale & Caregiver

Incrementare le risorse umane e implementare le relazioni e autonomie personali per migliorare competenze, capacità e abilità.

Tempo Libero

il tempo libero coinvolge e stimola quella porzione temporale impiegata e quella personale che sono  connesse alle emozioni.

Tecnologie

Un futuro migliore sin dal presente attraverso la programmazione e l'applicazione di nuove tecnologie.

Istruzione

Una scuola che investe sulla diversità sarà una scuola competitiva e moderna.

Il CUDE & Parcheggi

Molto spesso troviamo I posti assegnati alle persone disabili, oltre ad essere carenti, posizionati in luoghi non appropriati, con marciapiedi senza lo spazio adeguato al movimento della carrozzina.

Leggi & Norme Governo

Una maggiore consapevolezza e sensibilizzazione culturale sono parti integranti per migliorare ed aggiornare Leggi e Norme che hanno il fine di INCLUSIONE.

Attività Sportive

Lo sport rappresenta un elemento fondamentale sul piano emozionale e sociale.